materieunite_ON

Cliente TDD @Circolo del Design
Luogo Torino
Anno 2020

tdd-workshop

Analogico/Digitale. Questo il binomio cardine del Workshop organizzato e tenuto durante i Torino Digital Days da materieunite presso il Circolo Del Design di Torino.

"Nel mondo del digitale la costante tendenza alla miniaturizzazione del dispositivo fisico è inversamente proporzionale alla capacità di memoria e di funzioni che questi riescono a sostenere. Un’inversione di tendenza invece la abbiamo nelle dimensioni degli schermi, principale interfaccia di output per l’utente. Questa standardizzazione del supporto dell’interfaccia fisica, porta inevitabilmente ad una standardizzazione e ad una selezione molto ristretta delle gestualità con il quale maneggiamo il prodotto digitale. Obiettivo del workshop è restituire valore alla materia come medium per un processo digitale. Renderla interfaccia di input e output, lasciando al digitale la traduzione tra le due fasi. Utilizzeremo materiali sostenibili tanto nel processo di produzione quanto in quello di recupero o riuso. Svilupperemo prototipi di strumenti o ambienti con un’interazione fisica-analogica, elaborata dal digitale, fornendo output ibridi tra processi digitali e risposte materiche."

tdd-workshop
tdd-workshop
tdd-workshop
tdd-workshop

Il workshop è stato sviluppato in due fasi: una di elaborazione degli input forniti dai nostri designer, e la seconda più performativa in collaborazione con Simone Giovo e Giorgio Sandrone (producers e sound designers torinesi).

Nella prima fase i partecipanti al workshop hanno studiato le geometrie di base dei video animati messi a disposizione. Questi, progettati in una griglia 16:9, suggerivano delle dinamiche di movimento. Scelti i video da elaborare ogni partecipante, tramite una scheda in cartone ondulato, con impressa una griglia pintinata in 16:9, ha progettato una serie di animazioni analogiche da effettuare durante la fase performativa.

tdd-workshop
tdd-workshop
tdd-workshop

Un programma, sviluppato ad hoc per l'occasione da Simone e Giorgio, catturava le quantità di colore nella scena proiettata sullo schermo, andando a modulare il suono che generava. Le "maschere" progettate e realizzate dai partecipanti, utilizzate come filtro di proiezione fisico/analogico, hanno reso unica la generazione del suono direttamente legata all'immagine proiettata.

Quale è stato il risultato? Strumenti di modulazione delle immagini e del suono, nati dal digitale, processati dall'analogico per definire un'esperienza performativa sinestetica.

Ph. Credit Alberto Chiariglione

tdd-workshop
tdd-workshop